box-7-silab-web

Coordinatore: Prof. Vincenzo Provenzano, Dipartimento di Scienze economiche, aziendali e statistiche dell’Università degli Studi di Palermo

Team di ricerca: Prof. Fabio Mazzola, Dott. Massimo Arnone


La Sicilia ha la necessità di sviluppare le sue infrastrutture grazie al loro alto potenziale di crescita, opere fondamentali per la localizzazione di nuove imprese e per l’incremento della produttività. Si parla di autostrade, ferrovie, aeroporti e tutto ciò che riguarda il tema dell’energia, ma anche infrastrutture sociali e civili, edilizia civica, Università e reti fognarie. A causa dell’indivisibilità degli investimenti infrastrutturali, ad oggi il loro finanziamento avviene principalmente, attraverso il settore pubblico, per cui nasce la necessità di un’analisi delle tematiche inerenti al credito, alla strumentazione finanziaria, ai fondi europei, e alle politiche fiscali orientate in un’ottica regionale.

Obiettivi

Associare adeguate fonti di finanziamento per la competitività locale

Favorire agevolazioni finanziarie specifiche e credito d’imposta

Diffondere la conoscenza del merito creditizio presso le piccole e medie imprese

Istituire una cabina di regia unica per la gestione delle risorse nazionali ed europee destinate alla Sicilia

Dare attuazione del microcredito imprenditoriale e sociale

Strategie

Favorire la crescita di partnership pubblico-privato per il completamento delle opere infrastrutturali regionali

Ampliare la capacity building sistemica delle amministrazioni locali per la progettazione degli investimenti pubblici

Promuovere campagne di informazione per le imprese sugli incentivi nazionali, europei e regionali

Promuovere i rapporti virtuosi tra il sistema bancario, i sistemi della produzione e formazione

Favorire il credito cooperativo e valorizzare le organizzazioni del terzo settore


Scarica il Green Paper “Fiscalità e Finanza | Gli effetti regionali della riforma del credito cooperativo”

Scarica il Green Paper “Fiscalità e Finanza |Infrastrutture e strumenti finanziati per un’imprenditorialità pubblica”